Menu

Colazione all’italiana: e l’alternativa?

8 novembre 2018 - BLOG
Colazione all’italiana: e l’alternativa?

È maggio, sono le otto del mattino ed è una splendida giornata per fare un’escursione o una passeggiata: una famiglia tedesca entra nel tuo bar. Si siede ai tavolini che hai diligentemente allestito e ti chiede se è possibile ordinare del succo di mela, due uova sode con del pane integrale, due yogurt e dei cerali.

Come ti sentiresti a dover rispondere che non c’è nulla di quello che hanno chiesto nel tuo menù? Come ti sentiresti a dover comunicare loro che possono mangiare del caffellatte e delle brioches alla crema?

Te lo dico io come ti sentiresti: male. Molto male.

Perché non solo non riusciresti a soddisfare l’esigenza del cliente ma, probabilmente, ti renderesti conto di aver pensato solo “all’italiana” nonostante il tuo locale sia in una zona frequentata spesso da turisti. La colazione è un momento importante per tutte le popolazioni, ma con diverse caratteristiche per inglesi, tedeschi, americani, giapponesi.

Ti faccio un esempio pratico: come ti sentiresti se accadesse la stessa scena che ti ho descritto qualche riga più in su, con te come protagonista? Entri in un bar tedesco per fare colazione e vuoi gustare un croissant e bere un caffè, ma ti viene detto che puoi mangiare solo uova e qualche fettina di salame… Non sarebbe gratificante, vero?

Ecco spiegato il motivo per cui è di estrema importanza che tu riesca ad offrire delle valide alternative alla tua affezionata colazione all’italiana:

 

 

Con qualche piccolo accorgimento potrai continuare ad essere il re del caffellatte e dei croissant, ma riuscirai a soddisfare le esigenze anche di altre tipologie di cliente!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *