Menu

Le 7 regole d’oro per il cappuccino perfetto

26 giugno 2018 - BLOG
Le 7 regole d’oro per il cappuccino perfetto

Quando sento parlare di bar e caffetteria la prima cosa che penso è che tutto ciò che ha a che fare con il caffè e la colazione debba essere perfetto. Purtroppo oggi in tutti i campi vige una superficialità e una mediocrità che mi lascia sempre interdetta quando investe il mio campo d’azione, perché una delle prime regole del settore commerciale e delle vendite (in qualsiasi campo) è la focalizzazione. Essere focalizzati su uno o pochi prodotti o comunque dare priorità assoluta al business principale e cercare di farlo al meglio, secondo me, è il compito di qualunque imprenditore.

Ti racconto questo perché, l’altro giorno, mi sono recata in un bar e ho chiesto un cappuccino. Vorrei non continuare questa storia perché riesco a perdere le staffe solo al ricordo, ma purtroppo è accaduto: una caffetteria splendida, in piano centro, personale gentile e cordiale, atmosfera davvero memorabile che non sa preparare né servire un cappuccino!

A dire la verità non mi sembrava affatto un cappuccino, ma piuttosto una specie di latte tiepido macchiato con del caffè, peraltro dal sapore eccessivamente pungente.

Purtroppo i ricordi brutti sono quelli che ci condizionano maggiormente, perché vanno a condizionare le nostre emozioni negative e, soprattutto nel settore commerciale, sono responsabili delle nostre scelte. Secondo te io tornerò in quel locale?

Con ogni probabilità la risposta sarà no. È possibile che, però, quel bar sia forte nel fare aperitivi o happy hours, oppure che abbia un servizio di pausa pranzo eccezionale… Ma non potrò saperlo, perché, nella mia testa si è rotto qualcosa: un bar non può servirmi quel cappuccino.

Ecco perché, noi di Colazione Perfetta abbiamo deciso di lasciarti una mini guida di 7 regole fondamentali per fare un cappuccino a regola d’arte nel tuo bar. Non vogliamo che possa essere anche tu il protagonista di una storia analoga a quella che ti ho raccontato:

  1. Un ottimo cappuccino si ottiene con una base di caffè espresso e una sufficiente di latte montato grazie all’abilità dell’operatore.
  2. Predisponi tutto l’occorrente: la macchina deve essere alla giusta pressione e temperatura, la tazza deve essere in ceramica e arrotondata, e una lattiera di acciaio inossidabile da 500ml
  3. Utilizza il latte adeguato: il cappuccino è composto solo da due ingredienti, quindi il latte è un elemento fondamentale. Evita di usare quello a lunga conservazione e scegline uno fresco così potrai montarlo a dovere.
  4. Dosa bene il latte: se ne utilizzi troppo rischierai di creare un cappuccino con poco sapore, perché verrà mitigato eccessivamente il gusto del caffè. Tieni a mente che la quantità ideale di latte per il cappuccino è di 100 ml.
  5. Per ottenere una buona crema ricordati di posizionare la parte finale del vaporizzatore della macchina da caffè all’interno del tuo bricco di acciaio inossidabile: ricordati anche di immergere solo la punta.
  6. Inclina la tazza leggermente e versa la crema di latte fino all’orlo con un movimento deciso del polso. La crema va fatta scivolare fino a riempire la tazza senza debordare.
  7. Chiedi sempre al cliente se gradisce del cacao in polvere e decora il cappuccino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *